DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it

Digitalizzazione in costruzione

Facility Management: la digitalizzazione come strumento di tutela verso le legal-issue

Spesso si parla di Facility Management affrontando il tema dal solo punto di vista della gestione operativa, intesa come amministrazione del patrimonio edilizio, gestione di spazi, servizi e manutenzione. In realtà esistono degli obblighi di legge, con ricadute penali, che impongono ai datori di lavoro - o a eventuali loro delegati - di occuparsi della gestione dei luoghi di cui sono responsabili. 

Può la digitalizzazione offrire delle risposte di fronte ad un’evidente necessità di tutela? Gestire un luogo di lavoro, sia esso uno stabilimento produttivo, un negozio, un magazzino o altro, è un compito che prevede il controllo di un vasto insieme di variabili fortemente eterogenee.

In particolare, il D. Lgs. 81/2008 definisce una serie di adempimenti obbligatori a garanzia dell’idoneità dei luoghi di lavoro, nei confronti sia dei lavoratori impiegati in azienda, che di coloro che intervengono a fornire servizi all’edificio, agli spazi o alle persone. Lo stesso Decreto individua degli strumenti attraverso cui tali obblighi vadano assolti; il D.U.V.R.I. (Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali, art. 26) ne è un esempio.

Ciò che resta da chiarire è quale sia, per il datore di lavoro, il sistema più efficace per garantire l’assolvimento degli obblighi normativi e tutelarsi rispetto all’eventualità di questioni legali. La necessità primaria da cui partire - che spesso non trova una risposta soddisfacente - è la conoscenza dell’immobile che si è chiamati a gestire, del suo stato e dei rischi ad esso connessi.

Ed è qui che entra in gioco la digitalizzazione nel settore delle costruzioni: mettere in atto una piattaforma informativa digitale di gestione immobiliare permette di porre in relazione sorgenti informative diverse, organizzare l’informazione tecnica e quindi governare la massiccia ed eterogenea mole di dati che la legge impone di considerare.

Sono infatti molteplici gli ambiti in cui tale sistema informativo può (deve) essere speso. Dalla gestione della documentazione tecnico-amministrativa dell’immobile, ad esempio sul tema dell’agibilità, del Certificato Prevenzioni Incendi o della conformità edilizia, alla verifica periodica e aggiornamento dei documenti cogenti legati alla manutenzione come, ad esempio, l’Idoneità Tecnico Professionale delle imprese coinvolte in attività di building maintenance.

Ma naturalmente anche il modello BIM, che con la transizione al digitale dovrà scaturire dalle fasi di progettazione e realizzazione dell’opera, contribuirà ad alimentare la piattaforma di gestione.

Con riferimento ai prodotti, si pensi ad esempio all’esplicitazione dei parametri prestazionali richiesti per la marcatura CE, peraltro anch’essa obbligatoria. Il modello potrà essere utilizzato per valutare un intervento di modifica ad un controsoffitto in relazione alla resistenza meccanica dichiarata, evitando lesioni e possibili danni a persone o cose, o per informare l’eventuale manutentore sulle procedure di smontaggio, riducendo il rischio di infortuni o danneggiamenti.

Ragionamenti simili possono essere fatti con riferimento ai requisiti prestazionali degli spazi. Gli aspetti da considerare sono dunque diversi, perché diversi sono gli obblighi di legge a cui bisogna rispondere. Nonostante il D. Lgs. 81 non imponga l’adozione di un sistema informativo di monitoraggio sull’idoneità dei luoghi di lavoro, è chiaro però come uno strumento digitale di questo tipo permetta al datore di lavoro di aumentare la sua fascia di tutela. 

Commenti

Complimenti Michele, ottimo lavoro!!

Stefano Savoia
Contec Ingegneria

Lascia un commento al post

nella pubblicazione del commento, la tua mail non sarà visualizzata


Informativa privacy

Informativa privacy
Il trattamento dei Suoi dati sarà effettuato mediante idonei strumenti cartacei, elettronici e/o telematici, in modo tale da garantirne la sicurezza e riservatezza e comunque in conformità al D.Lgs. del 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e successive modifiche.


* campi obbligatori

Coordinamento Editoriale

PPAN srl

comunicazione e networking per il costruito

Gli Autori del blog

NavVis

Software e hardware per il rilievo 3d

Riccardo Pagani

Architetto, fondatore e Amministratore di React Studio

Marco Bisin

Project & BIM Manager presso eFM s.p.a

Guzzetti Franco

Professore, Ingegnere - Comitato Tecnico Scientifico Digital&BIM

Sebastiano Maltese

Ingegnere, PhD, professore a contratto al Politecnico di Milano

Barbara Angi

Ricercatrice ICAR/14 e Docente presso il Dipartimento DICATAM dell’Università degli Studi di Brescia.

Giuseppe Martino Di Giuda

Ricercatore e Docente presso Politecnico di Milano

DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it