DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it

Digitalizzazione in costruzione

Il valore “nascosto” del BIM nella gestione del costruito e l’evoluzione del Real Estate

L’adozione del BIM per la gestione del costruito deve necessariamente partire dalla conoscenza dei processi e degli strumenti gestionali attuali. Questo approccio abilita un’evoluzione sia della gestione ordinaria sia della progettazione stessa dei servizi, rappresentando la chiave di volta per l’evoluzione del settore del Real Estate

Cosa può voler dire adottare il BIM per la gestione degli immobili è ancora un tema poco approfondito in Italia e, nella maggior parte dei casi, la visione è strettamente legata alla manutenzione operativa delle componenti tecnologiche e civili. Immaginiamo quell’operatore con il tablet che visualizza virtualmente lo stato del costruito prima di intervenire.

Anche l’utilizzo di set informativi standardizzati per la gestione deve rappresentare un punto di partenza, non di arrivo: il modello BIM di un immobile, nella sua accezione di modello informativo, andrà a far parte di un patrimonio immobiliare informativo esistente e già gestito secondo modalità, processi e strumenti consolidati. In fase di applicazione infatti risulta fondamentale considerare tutte le fasi (dalla progettazione alla gestione) rispetto al contesto specifico in cui il modello si andrà a inserire, non solo rispetto a pratiche personali o standardizzate.

Un modello BIM non si può considerare come elemento isolato e con vita propria rispetto al resto del costruito
: il rischio, estremamente elevato, è quello di realizzare modelli ricchi di informazioni ma inutilizzabili per la gestione, in quanto le informazioni presenti non corrispondono alle informazioni di cui l’owner in realtà necessita per attivare i suoi processi di gestione, e lo scambio informativo da/verso i sistemi gestionali (CAFM, EIM, …) non è stato definito correttamente. L’applicazione di queste logiche all’interno di un approccio BIM permette di considerare tutte le sfumature gestionali che caratterizzano ogni patrimonio immobiliare. Ecco che grazie a questa metodologia sarà possibile ottenere vere sinergie e vantaggi competitivi, abilitando gli owner ad una gestione “evoluta” del proprio patrimonio. 

Oltre alla gestione ordinaria dei servizi, altro tassello molto importante è la progettazione stessa delle facilities, ed è proprio in questa direzione che il BIM può rappresentare ancor più una chiave di volta nell’evoluzione del settore.

La possibilità di disporre di un modello informativo ottimizzato permette ai proprietari di effettuare una più dettagliata e corretta definizione dei capitolati di servizio, con ricadute sensibili sui costi necessari all’erogazione dei servizi, ed abilita non solo un’analisi costi/benefici sulle soluzioni tecnologiche materiali ma soprattutto un’analisi di dettaglio sulla composizione dell’edificio in funzione dei servizi e delle attività che si svilupperanno al suo interno, al fine di verificarne il rispetto degli standard qualitativi e di efficienza richiesti.

Questo vuol dire adottare un approccio BIM agile, in grado di interagire con i processi di gestione e massimizzare i benefici di un sistema in grado di simulare e rappresentare esigenze mutevoli, supportando i gestori nel mantenere elevato il valore degli immobili nel tempo attraverso il monitoraggio puntuale delle prestazioni e una conoscenza approfondita per lo sviluppo di nuove strategie.

Per approfondimenti:
Bimtaskgroup
Manutenzione Online

Lascia un commento al post

nella pubblicazione del commento, la tua mail non sarà visualizzata


Informativa privacy

Informativa privacy
Il trattamento dei Suoi dati sarà effettuato mediante idonei strumenti cartacei, elettronici e/o telematici, in modo tale da garantirne la sicurezza e riservatezza e comunque in conformità al D.Lgs. del 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e successive modifiche.


* campi obbligatori

Coordinamento Editoriale

PPAN srl

comunicazione e networking per il costruito

Gli Autori del blog

Giuseppe Latour

Il Sole 24 Ore

Carlo Zanchetta

Docente del corso di Produzione Edilizia presso l'Università degli Studi di Padova

Vincenzo Panasiti

Architetto, Project BIM Coordinator presso Citterio-Viel Partners

STR TeamSystem

Software gestionali/ERP e servizi di formazione

Manuele Cassano

Professore a contratto di Produzione Edilizia, Con.Si.Lab., DABC, Politecnico di Milano

Stefano Rinaldi

Ingegnere, PhD, Ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università degli Studi di Brescia

Luca Serri

Cofondatore di ATIproject, responsabile tecnico progettazione esecutiva e dell’innovazione tecnologica

Davide Simeone

DICEA, Sapienza Università di Roma

Marzia Bolpagni

Ingegnere edile, dottoranda presso il Politecnico di Milano e vice editrice del BIM Dictionary

DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it