DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it

Digitalizzazione in costruzione

#BIM4LEED: come il BIM può supportare la certificazione LEED

Gli acronimi BIM e LEED nascono a pochi mesi di distanza nel 1992/93 e nell’ultimo decennio si sono sempre più intrecciati in ambito accademico e professionale. Dal punto di vista teorico, BIM e LEED (e anche Lean) condividono gli stessi obiettivi: efficienza, qualità e sostenibilità. Non è un caso che, ancora oggi, la pubblicazione del 2011 “Building information modeling for sustainable design and LEED rating analysis” sia fra le più scaricate riguardanti l’automazione nelle costruzioni.

Nella professione capita spesso che i clienti illuminati richiedenti la certificazione LEED coincidano con quelli che richiedono la progettazione BIM o che gli studi in grado di gestire una certificazione LEED siano dei precursori nell’adozione del BIM. Il mercato ha avvertito questo legame proponendo nuove soluzioni: dal 2006 si stanno sviluppando una serie di tool LEED compliant per le principali piattaforme BIM; nel 2013 è nato il RegBIM Project, un software che permette il calcolo automatico della valutazione di sostenibilità secondo vari protocolli partendo da un modello IFC.
La crescente bibliografia sull’argomento dimostra come la completa integrazione dei due sia ancora in via di sviluppo. Quello a cui si punta è la verifica automatica dei crediti LEED all’interno delle applicazioni di BIM Authoring.

Ad oggi esistono 3 possibilità per farlo:
1.  Sperare che il proprio BIM Authoring di riferimento metta a disposizione dei plug-in specifici. Ne esistono già per l’analisi della luce diurna e per la riduzione dell’impatto del ciclo di vita dell’edificio.
2.  Utilizzare i workflow descritti in articoli scientifici e non, che spesso prevedono l’utilizzo di applicazioni di visual scripting come Dynamo e Grasshopper. Ne esistono già per la sostenibilità del sito, la qualità dell’aria, il risparmio d’acqua e la sostenibilità dei materiali.
3.  Elaborare una procedura automatizzata di verifica ad hoc.

Attualmente per completare la certificazione si è ancora obbligati all’esportazione in gbXML verso altri software specializzati nell’analisi energetica. Tuttavia l’utilizzo di tale formato presenta problemi di interoperabilità analoghi a quelli che si riscontrano nell’analisi strutturale, dove si utilizza il formato IFC. Infatti, ancora nel 2008, nel libro“Green BIM” si afferma che ben il 50% del tempo per costruire e per analizzare un modello energetico si impiega ricreando la geometria in un altro software, ed oggi le cose non sono migliorate sensibilmente.

Ultimamente si stanno aprendo nuove prospettive che mirano ad eliminare alla radice il problema dell’interoperabilità attraverso piattaforme cloud-BIM come già suggeriva una pubblicazione del 2012. Oggi queste tecnologie sono sul mercato dalla pionieristica Flux.io, alla neo nata Konstru che punta a superare i problemi di interoperabilità per l’analisi strutturale. Sicuramente una piattaforma simile anche per il gbXLM rappresenterebbe un grande passo verso la completa integrazione fra il processo BIM e la certificazione LEED.

 

Per approfondimenti vedi:

- Edoardo Maroder & Damiano Di Ciaccio - BIM and LEED: implementing design data to streamline the process (Agosto 2017)
- G. Bergonzoni, M. Capelli, G. Drudi, S. Viani & F. Conserva - Building Information Modeling (BIM) for LEED® IEQ category prerequisites and credits calculations (Settembre 2016)
- Wei Wu, R.R.A Issa - Leveraging cloud-bim for leed automation (Settembre 2012)

 

Commenti

Giacomo ottimo articolo. Creare tools di supporto alla progettazione energetica e sostenibile, e non solo ai fini della certificazione, è e deve essere una delle sfide principale della rivoluzione principale. Al Digital&BIM Italia potremmo confrontarci sul tema e mettere in mostra dove si è arrivati. A presto

Giulio Drudi
Giulio Drudi

Per approfondimenti: - Edoardo Maroder & Damiano Di Ciaccio - BIM and LEED: implementing design data to streamline the process (Agosto 2017) - Silvia Ciraci, Enrica Roncalli - Bim e i protocolli di sostenibilità: una sinergia biunivoca (Maggio 2017) - G. Bergonzoni, M. Capelli, G. Drudi, S. Viani & F. Conserva - Building Information Modeling (BIM) for LEED® IEQ category prerequisites and credits calculations (Settembre 2016) - Virna Domenica Laganà - LEED through BIM: Applicazione del processo BIM al protocollo LEED (Settembre 2016) - Po-Han Chen, Thanh Chuong Nguyen - Integration of Building Information Modeling (BIM) and LEED's Location and Transportation Category (Giugno 2015) - F. Jalaei, A. Jrade - Integrating building information modeling (BIM) and LEED system at the conceptual design stage of sustainable buildings (Maggio 2015) - Andrew Sutton - The RegBIM Project (presentazione Novembre 2013) - Wei Wu, R.R.A Issa - Leveraging cloud-bim for leed automation (Settembre 2012) - Salman Azhar, Wade A. Carlton, Darren Olsen, Irtishad Ahmad - Building information modeling for sustainable design and LEED® rating analysis (Marzo 2011) - Eddy Krygiel, Brad Nies, Steve McDowell - Green BIM: Successful Sustainable Design with Building Information Modeling (Aprile 2008) - Autodesk and U.S. Green Building Council Partner on Technology Initiatives to Move Building Industry toward Greener Future (Novembre 2006)

Giacomo Bergonzoni
Open Project

Ottimo articolo, in tema interoperabilità vorrei aggiungere la presenza di iniziative da parte di grossi vendor software come Autodesk con il recentemente annunciato progetto Quantum. Un ambiente BIM collaborativo, completamente on-line senza nessuna barriera per lo scambio di dati, il quale potrebbe decisamente migliorare le opportunità di certificazione LEED.

Matteo Cominetti

Lascia un commento al post

nella pubblicazione del commento, la tua mail non sarà visualizzata


Informativa privacy

Informativa privacy
Il trattamento dei Suoi dati sarà effettuato mediante idonei strumenti cartacei, elettronici e/o telematici, in modo tale da garantirne la sicurezza e riservatezza e comunque in conformità al D.Lgs. del 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e successive modifiche.


* campi obbligatori

Coordinamento Editoriale

PPAN srl

comunicazione e networking per il costruito

Gli Autori del blog

Francesco Ruperto

Architetto, esperto di BIM

Nicola Baraldi

Marketing and International Sales Director at TeamSystem

Lavinia Chiara Tagliabue

PhD, Architetto, Green Associate

Luigi Dattilo

Bim Coordinator e BIM Specialist per GPA Ingegneria

Luca Serri

Cofondatore di ATIproject, responsabile tecnico progettazione esecutiva e dell’innovazione tecnologica

Fulvio Re Cecconi

Professore presso Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito

Marzia Bolpagni

Ingegnere edile, dottoranda presso il Politecnico di Milano e vice editrice del BIM Dictionary

DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it