DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it

Digitalizzazione in costruzione

Verso il controllo automatico dei progetti

Il controllo del progetto, o meglio la sua verifica, è prassi consolidata nel nostro ordinamento giuridico, almeno quando è necessaria la validazione introdotta nel 1994 dalla Legge 109 (Legge Merloni). Tali operazioni di controllo si svolgono procedendo principalmente per campioni, ovvero selezionando in modo più o meno guidato parti del progetto che verranno verificate, e ipotizzando che queste parti siano rappresentative, ovvero siano le parti più critiche. Così si considererà corretto tutto il progetto.

Questa procedura per campioni è diffusissima nei controlli di qualsiasi tipo, basti pensare all’usatissimo standard statunitense per il controllo a campioni MIL STD 105E pubblicato nel 1963, ma espone al rischio di non rilevare ulteriori errori. Per questo motivo, anche prima della diffusione del BIM e di IFC, si sono affacciati sulla scena del settore delle costruzioni strumenti di controllo automatizzato (in Australia, ad esempio, nel 1991 è nato BCAider) che permettevano, almeno per alcuni tipi di verifica, di procedere non più a campione, ma sull’interezza del progetto.

La digitalizzazione ha permesso di ampliare la gamma di controlli automatizzabili, e oggi la speranza è quella di arrivare a controllare il progetto secondo tutte le normative che questo deve soddisfare. Dal 1991 ad oggi si sono fatti passi da gigante nel settore, che però rimane limitato a due software per il controllo automatico dei progetti: CORENET ePlan Check e Solibri Model Checker (SMC). Il primo, ideato per il controllo automatico dei progetti secondo il regolamento delle costruzioni di Singapore, è un software personalizzabile attraverso un’interfaccia API e usabile per controllare progetti secondo regolamenti anche molto complessi. Il secondo, forse il più noto sul mercato, permette di controllare facilmente tutto ciò che è legato alla geometria. Non a caso gli usi più frequenti di SMC sono la clash detection e il code checking per vie di fuga e accessibilità. Altri esempi, anche se meno noti, di controllo automatico, si possono vedere in Norvegia (dove usano SMC), negli Stati Uniti (dove usano una versione adattata di SMC), in Australia (EDM), Portogallo (LicA), Canada e Korea.

Tutti gli esempi citati sono caratterizzati da limiti simili, come l’interoperabilità (chi non ha avuto problemi di scambio dati nel settore delle costruzioni scagli la prima pietra!) e l’estensibilità
, intesa sia in termini di evoluzione, in concomitanza con i cambiamenti dei regolamenti, che di applicabilità a nuovi regolamenti. Per superare questi limiti la ricerca nel campo si sta spostando verso approcci completamente nuovi che mutano le tecnologie dal web semantico (Web Ontology Language - ifcOWL) e che permetteranno di convertire automaticamente il linguaggio naturale delle Leggi e dei Regolamenti in una rappresentazione formale (RASE: Rule – Application – Selection – Exception) direttamente utilizzabile dai software di controllo automatico.

Lascia un commento al post

nella pubblicazione del commento, la tua mail non sarà visualizzata


Informativa privacy

Informativa privacy
Il trattamento dei Suoi dati sarà effettuato mediante idonei strumenti cartacei, elettronici e/o telematici, in modo tale da garantirne la sicurezza e riservatezza e comunque in conformità al D.Lgs. del 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e successive modifiche.


* campi obbligatori

Coordinamento Editoriale

PPAN srl

comunicazione e networking per il costruito

Gli Autori del blog

Stefano Rinaldi

Ingegnere, PhD, Ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università degli Studi di Brescia

Giuseppe Martino Di Giuda

Ricercatore e Docente presso Politecnico di Milano

Sebastiano Maltese

Ingegnere, PhD, professore a contratto al Politecnico di Milano

Fulvio Re Cecconi

Professore presso Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito

Giovanni Perego

Esperto di GIS e BIM

Giacomo Bergonzoni

Ingegnere e Bim Manager per Open Project, formatore per BIM Foundation

Carlo Zanchetta

Docente del corso di Produzione Edilizia presso l'Università degli Studi di Padova

Marco Bisin

Project & BIM Manager presso eFM s.p.a

Neri Lorenzetto Bologna

BIM Coordinator e MEP Specialist, 2Dto6D.com

DATE E ORARI EDIZIONE 2017

Giovedì 19 ottobre: dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Venerdì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30


INGRESSO

Aldo Moro

CONTATTI

DIGITAL&BIM Italia
Piazza Costituzione 6
40128 Bologna
info@digitalbimitalia.it

SHOW OFFICE

Luisa Bersanetti
Tel. +39 051 282218
Fax +39 051 6374013
luisa.bersanetti@bolognafiere.it

Claudia Bernardi
Tel. +39 051 282865
claudia.bernardi@bolognafiere.it